Il terremoto non…

Ieri strazianti funerali ad Amatrice

Il terremoto non uccide. Uccidono le opere dell’uomo!

così il vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, nell’omelia della messa funebre.

Ci sono voluti otto minuti, al vescovo per leggere i nomi di tutte le vittime del terremoto. Un lungo elenco, salutato al termine con un forte applauso, che ha dato l’inizio ai funerali ad Amatrice, per le vittime del terremoto che ha devastato il centro Italia.

Presenti Mattarella e Renzi.

Le Indagini – Il procuratore capo Giuseppe Saieva disporrà l’acquisizione di documenti sui lavori per costruire, ristrutturare o restaurare manufatti che mercoledì scorso sono venuti giù. I pm valutano in questi giorni anche l’apertura di un fascicolo di indagine sull’uso di fondi pubblici destinati alla messa in sicurezza e a norma di edifici poi crollati. Si indaga anche sui materiali utilizzati e sulle procedure dei collaudi effettuati sull’edificio.

 

 

Fonte ANSA.IT

 

Lascia un commento